Rassegna stampa

Cani o gatti in casa? Così gli italiani sono più ottimisti

Nove italiani intervistati su 10 (il 92%) dichiara di non poter più fare a meno della presenza di un cane o di un gatto. Il 96%, poi, indica di prestare particolare attenzione alla salute dei propri animali da compagnia, e di avere l'esigenza di trascorrere con loro ogni momento possibile. Dedicarsi personalmente alle loro esigenze quotidiane è un’ulteriore conferma di come gli italiani amino prendersi cura di cani e gatti: il 90% dei proprietari, infatti, preferisce non delegare ad altri e occuparsene personalmente. E' quanto emerge dalla ricerca IRI Information Resource condotta per il Rapporto Assalco(Associazione nazionale imprese per l'alimentazione e la cura degli animali da compagnia)- Zoomark 2014, che mette in evidenza quanto i pet siano ormai considerati a tutti gli effetti membri della famiglia.

Dalla Ricerca IRI emerge anche quanto gli animali domestici contribuiscano a mantenere unito il nucleo familiare: lo afferma infatti il 91% degli intervistati. Il 94% dei proprietari ritiene inoltre che trasmettano gioia, buonumore e serenità in famiglia. La loro presenza in famiglia aiuta ad alleviare le tensioni della vita quotidiana e i litigi (per l'84% degli intervistati). La presenza di cani e gatti aiuta anche a vivere meglio in questo periodo di crisi economica e contribuisce a superarlo con maggiore ottimismo. Il 91% dei proprietari afferma infatti che nei momenti di difficoltà la compagnia di un animale allevia le preoccupazioni e tira su il morale, mentre il 90% conferma che aiutano a distrarsi e a sentirsi meglio durante questo periodo di crisi ed incertezza. La presenza di un animale da compagnia contribuisce inoltre a passare più tempo in famiglia (lo pensa l’87% dei proprietari) e la presenza di un cane, in particolare, invoglia a trascorrere più tempo all'aria aperta.

Per quanto riguarda il rapporto che si instaura tra gli animali da compagnia e i bambini, l’88% dei proprietari ritiene che crescere con un pet stimoli la capacità di socializzazione dei membri più giovani della famiglia, contribuisca a relazionarsi meglio tra coetanei e ad essere più socievoli da adulti. Secondo il 55% degli intervistati, infine, i bambini preferiscono giocare con gli animali di casa piuttosto che con i videogiochi.

 

Fonte: Salute24.ilsole24ore.com

Altri eventi